Numero di edizione ISV 3: Progettare una soluzione scalabile

Zsolt Beke Connettori, Prodotti e soluzioni Lascia un commento

"Ho bisogno che sia pronto per qualsiasi cosa possa arrivare e per qualsiasi cosa io gli lanci addosso".
(Ogni singolo cliente)

La cosa più difficile al mondo è cambiare le nostre abitudini. Non è perché le cose che abbiamo fatto abbiano sempre funzionato così bene, ma sembra che abbiano funzionato. Così i nostri clienti continuano ad arricchire le loro infrastrutture, pur esigendo che la vostra soluzione sia in grado di far fronte ad ogni possibile aggiunta. Questo vi pone in un'altra situazione impossibile: come prepararsi a qualcosa che può essere fondamentalmente qualsiasi cosa? Come progettare una soluzione che cresce di pari passo con le esigenze del cliente?

Continuate a leggere per scoprire come potete fornire quasi istantaneamente ai vostri clienti una soluzione scalabile e pronta per il futuro, in grado di integrare dati provenienti da quasi tutte le fonti, siano esse strutturate o meno, e sui nuovi approcci che possono aiutarvi a promuovere l'orchestrazione e la cooperazione, eliminando al contempo le contese nella vostra organizzazione.

Diversità API

Le API sono diventate la chiave per costruire soluzioni di integrazione di successo. Esse rappresentano un insieme di metodi che consentono a un software di comunicare con uno specifico sistema finale. A sua volta, questa comunicazione consente di recuperare i dati da questi sistemi finali nelle vostre applicazioni - e di rimetterli lì, con le API che funzionano come punti di contatto tra le vostre applicazioni e i vostri sistemi.

Eppure, poiché molte organizzazioni non hanno avuto un piano per gestire la crescita dei loro dati, hanno introdotto nuovi sistemi nella loro infrastruttura praticamente ogni giorno. Così, invece di sfruttare l'offerta di semplificazione delle API, è stato aggiunto uno strato di complessità virtualmente impenetrabile.
Come già detto, le API sono di fatto un linguaggio che consente alle applicazioni di comunicare con i sistemi aziendali. Quindi, per facilitare una comunicazione efficace, è necessario padroneggiare tutte le API utilizzate dai sistemi di destinazione.

Con un numero limitato e definito di essi non sarebbe un problema importante per voi e per i vostri codificatori. Ma con un numero praticamente illimitato di combinazioni possibili, stiamo parlando di una storia completamente diversa.

La soluzione scalabile

Per essere in grado di farcela, è necessaria una soluzione che fornisca moduli plug-in pre-fabbricati e pre-testata che permetta di scalare dinamicamente la soluzione per includere i nuovi sistemi aggiunti. Questi vengono chiamati "connettori", in quanto consentono alla nostra piattaforma di integrazione di connettersi ai vari sistemi per i quali sono stati progettati. Attualmente, offriamo oltre 30 connettori pronti all'uso per i principali sistemi aziendali, come SharePoint, Exchange, Office 365, Microsoft Dynamics CRM, Sugar e Microsoft Dynamics NAV per aiutarvi a dare il via al vostro progetto. Il nostro pezzo forte, tuttavia, è che con la nostra tecnologia proprietaria e la nostra architettura unica, possiamo creare un nuovo connettore su misura per le vostre esigenze più velocemente di quanto possiate dire "Mi scuso, ma non possiamo fornire ai vostri clienti una soluzione che sia in grado di integrare i vostri dati".

Con Connect Bridge potete così scalare in modo flessibile la vostra soluzione per coprire qualsiasi nuovo futuro di fonte di dati, destino che i vostri clienti potrebbero lanciarvi addosso, con solo minime modifiche al vostro codice e assolutamente nessuna modifica alla logica e all'architettura della vostra applicazione.

Per un elenco di connettori pre-fabbricati, visitate il nostro Connect Bridge pagina del prodotto.

Leggete gli altri nostri blog della serie ISV per sapere come Connect Bridge può aiutarvi a gestire la vostra lotte quotidianecome complessità dell'infrastruttura e consegna tempestiva della soluzione.

Perché i clienti utilizzano Connect Bridge

Guarda un breve video per scoprirlo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *