Migrare Exchange 2010

Perché così tanti migrano Exchange dal 2010 al 2016... nel 2020

Ana Neto Prodotti e soluzioni Lascia un commento

Il supporto per il vostro Microsoft Exchange 2010, di cui vi fidate da tempo, termina il 13 ottobre 2020.  È necessario andare avanti e migrare Exchange 2010 a una versione più recente.

Ma sapete come dovreste procedere?  


Sì, è vero che la vostra installazione di Exchange 2010 continuerà a funzionare anche dopo questa data. Ma perché spingerla? Sapete che è giunto il momento di passare a una versione più recente per rimanere sicuri e supportati. Dopo il 13 ottobre 2020, Microsoft non fornirà più supporto tecnico per Exchange Server 2010, comprese le correzioni di bug, le correzioni di sicurezza e gli aggiornamenti dei fusi orari.

Allora, da dove devo iniziare la mia migrazione Exchange?

La prima cosa da fare è decidere se si vuole rimanere con Microsoft Exchange o se si vuole andare per qualcosa di diverso.

L'adesione a Microsoft Exchange significa che il cambiamento è trasparente per gli utenti finali, quindi è la migliore opzione in termini di adozione da parte dell'utente, 100% garantito! Non richiede alcuna formazione per gli utenti, qualsiasi integrazione con altri software o plug-in Outlook che la vostra azienda potrebbe utilizzare funzionerà comunque. In breve, dopo la migrazione, il business continuerà a funzionare come al solito.

Per coloro che vogliono migrare verso qualcosa di diverso, l'opzione più popolare è quella di migrare Exchange a G Suite (ex Google Apps). È probabile che alcuni dei loro utenti finali abbiano avuto contatti con Gmail, quindi non è così male in termini di adozione da parte degli utenti. Un'altra alternativa è quella di migrare da Exchange a Zimbra o ad altre piattaforme. Per fare queste migrazioni sarà naturalmente necessario cercare aiuto sulla piattaforma di destinazione, non su Microsoft. Per passare da Exchange 2010+ a G Suite, è necessario G Suite Migrate. Per andare da Exchange a Zimbra, si ha la Strumento di migrazione Zimbra.

Non importa quale strumento usiate, assicuratevi di sapere quali oggetti volete migrare. Si tratta solo di messaggi e-mail o anche di contatti, elementi del calendario, attività, cartelle pubbliche? Le cartelle pubbliche e gli eventi ricorrenti del calendario tendono ad essere i più difficili negli scenari di migrazione, quindi provate a vedere se li migrerete.

E se volessi rimanere fedele a Microsoft Exchange?

Se si desidera continuare ad utilizzare Exchange, la decisione è quindi se si vuole andare nel cloud o se si preferisce mantenere la propria installazione Microsoft Exchange on-premise.

Se volete andare nel cloud, Office365 è la strada da percorrere. È un po' un salto di qualità, ma si ottengono tutti i vantaggi di Office 365, quindi penso che ne valga la pena.

Le fasi della migrazione dipenderanno da questo:

  • Il numero di caselle di posta elettronica degli utenti
  • Dimensioni totali delle cassette postali
  • Necessità di coesistenza con il vecchio sistema (se sì, per quanto tempo?)

In genere si sentono termini che vengono buttati in giro, come migrazione inscenata, migrazione di tagliooppure schieramenti ibridi. Beh, tutte queste cose sono possibili, e ci sono un sacco di documentazione ufficiale di Microsoft su di esso. Lasciate che ve lo riassuma:

  • In una migrazione cutover si migrano tutte le cassette postali in una volta sola.
  • In una migrazione in fase, si migrano le caselle di posta in lotti.

Le migrazioni a tappe sono un po' complicate da realizzare. Al contrario, le migrazioni a tappe sono piuttosto semplici e consentono di migrare tutte le caselle di posta, gli utenti della posta e le liste di distribuzione in una sola volta con un minimo di spese generali.

Impieghi ibridi sono un problema separato. In un'implementazione ibrida, mantieni la tua implementazione Exchange Server in sede. Il nuovo Office 365 Exchange funziona come un'estensione di quello che hai in esecuzione in casa.

Tutti questi approcci alla migrazione sono orientati verso le imprese più grandi. Se siete in una organizzazione piccola, potete scegliere tecniche di migrazione semplice che si occupano di una cassetta postale alla volta. In generale, queste opzioni sono limitate alla migrazione dei messaggi di posta elettronica (nessun calendario, contatti o attività) e non gestiscono la creazione dell'account stesso.

La tecnica di migrazione più popolare per un numero molto basso di account è quella di migrare per mezzo di un file PST. Diciamo che stai eseguendo Exchange Server localmente con gli utenti finali su Outlook. Potresti usare Outlook per scaricare tutta la posta degli utenti in un PST e poi caricare quel PST su Office 365. Altre opzioni includono l'importazione della posta in OneDrive o l'uso di IMAP.

E se volessi fare l'upgrade ma tenessi Exchange in sede?

Se preferite rimanere con una soluzione on-premise, allora ci sono alcune cose che dovete sapere:

  • Se si inizia con un Exchange 2010 nel proprio ambiente, e si segue il metodo Microsoft, non è possibile introdurre Exchange 2019 fino a quando le migrazioni non sono state effettuate a una versione più recente di Exchange - per esempio, 2016 - e quindi la disattivazione di Exchange 2010 è terminata. Ecco perché così tanti migrano al 2016 nel 2020! Tuttavia questa migrazione a doppio salto richiede molto tempo ed è molto soggetta a errori.
  • I requisiti hardware Exchange 2019 non sono bassi. Exchange 2019 è fatto per le grandi imprese e se si considerano i requisiti per un funzionamento ottimale si parla di 128GB+ di RAM e si ha bisogno di potenza della CPU.
  • I requisiti del software Exchange 2019 sono che si utilizzi Windows Server 2019. La grande sorpresa è che si può installare su Windows Server 2019 core edition. Microsoft consiglia di utilizzare Nucleo del server come piattaforma di base per Exchange 2019. Questo significa che avete meno patch da fare, ma potete gestire questo server solo usando PowerShell e un browser per accedere al Exchange Admin Center (EAC). Ad alcune persone non piace lavorare con un semplice prompt di comandi e preferiscono l'interfaccia grafica. Dovrete valutare i pro e i contro.

C'è qualche strumento per aiutare in questa migrazione?

Se si desidera migrare da Exchange 2010 a Exchange 2019, lo strumento perfetto è CB Exchange Server Sync.

Questo strumento evita di dover passare attraverso Microsoft Exchange 2016 e copre tutte le possibili esigenze di migrazione: messaggi di posta elettronica, contatti, calendari, compiti, cartelle pubbliche e ogni piccolo dettaglio che potrebbero avere con loro.

Gestisce correttamente gli eventi ricorrenti e ha molte funzioni di configurazione se ne avete bisogno. Tuttavia, automatizza praticamente tutto ciò che può essere automatizzato in termini di configurazione, in modo da poter passare rapidamente attraverso la configurazione.

Da asporto

La migrazione del vostro Microsoft Exchange 2010 verso una tecnologia più recente non è un compito da poco o da prendere alla leggera.

Per raggiungerlo, assicuratevi di sapere dove volete andare, e non esitate a rivolgervi agli strumenti che possono aiutarvi. Se volete usare CB Exchange Server SyncI nostri esperti possono aiutarvi a trovare l'approccio migliore per il vostro caso specifico. Mettiti in contatto con loro!


Volete saperne di più? Ti consiglio questi articoli e casi di studio:

Ana Neto - Consulente tecnico, Autore

Ana Neto
Consulente tecnico
a Connecting Software

Autore:

Sono un ingegnere del software dal 1997, con un amore più recente per la scrittura e per i discorsi pubblici.  Avete domande o commenti su questo articolo o su CB Exchange Server Sync? Mi piacerebbe avere il vostro feedback!

 ana@connecting-software.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *