Piccole imprese e industria 4.0

Piccole imprese e industria 4.0: Un ambiente stimolante

Partner Notizie dell'azienda, Connettori, Articolo ospite 1 Commento


Di Richard F. Majer, flupo Systemtechnik e. U. (i. G.)


Tutti parlano di Industria 4.0

Ne sentirete parlare ad ogni fiera, ci sono intere mostre su di essa e ogni volta che sentirete un annuncio di vendita per qualche nuovo macchinario di lusso, riceverete sicuramente qualche opuscolo lucido che elogia i vantaggi dell'Industria 4.0 e dell'Internet delle Cose Industriali. In questo mondo, tutte le vostre macchine comunicano tra di loro e la connessione a lungo ricercata tra la fabbrica e l'ambiente ERP (enterprise resource planning) sembra proprio alla vostra portata.

Ma come sempre, le cose tendono a diventare torbide quando si entra nei dettagli (un po' cruenti). In genere, i fornitori di macchine più grandi vi forniranno il loro software di connessione Industry-4.0. Per un costo elevato, naturalmente. Ma se fate domande su macchine più vecchie (dello stesso fornitore) o sull'interoperabilità con altri produttori, il tipico venditore inizierà a borbottare qualcosa del tipo "sì, forse...; non supportato ufficialmente, ma potrebbe funzionare; sarà aggiunto in una prossima release". Una situazione piuttosto insoddisfacente, secondo me.

Vediamo un esempio più specifico

Prendete una piccola azienda nel settore della produzione di lamiere. A seconda delle sue specifiche esigenze, potrebbe avere un piccolo numero di macchine per il taglio laser e/o la punzonatura, presse (piegatrici) e forse alcune stazioni di saldatura robotizzata (laser). Anche se ci sono produttori che potrebbero fornire l'intero parco macchine, è molto probabile che le macchine provengano da fornitori diversi. E considerando la durata media di vita dei tipi di macchine più robuste (ad esempio le presse piegatrici), una quantità considerevole sarà dell'era preindustriale 4.0. E lì, il sogno promesso di un'integrazione verticale fuori dagli schemi tra il piano della fabbrica e l'ERP inizia a sgretolarsi...

Un punto di partenza potrebbe essere quello di acquistare ogni soluzione dei produttori e poi costruire interfacce tra questi e la vostra soluzione ERP. Ma questo aggiunge un enorme livello di complessità nella vostra azienda, in quanto una tale soluzione richiederà una notevole quantità di tempo per l'implementazione e la manutenzione. C'è anche il fatto che, a giudicare dalle esperienze passate in questo settore, i prodotti software raggiungeranno il loro rispettivo fine vita molto prima delle macchine stesse. E c'è naturalmente il cartellino del prezzo allegato al software e il suo contratto di manutenzione. Per non parlare del fatto che alcuni fornitori offrono soluzioni cloud-only che - a mio modesto parere - non fanno altro che aprire un barattolo di vermi completamente diverso. Il cloud e la sua sicurezza IT sono fuori dal vostro controllo. E che dire della protezione della vostra proprietà intellettuale e di quella dei vostri clienti?

C'è un raggio di luce nel buio sotto forma di OPC UA

OPC UA è uno standard di facile utilizzo supportato dalla maggior parte delle moderne apparecchiature out-of-the-box (anche se spesso ancora sbloccato solo per un costo aggiuntivo, che è qualcosa che vorrei davvero vedere cambiare), questo potrebbe essere tutto ciò di cui hai bisogno come piccola azienda. Dal momento che le vostre interfacce da macchina a middleware di solito devono essere progettate solo una volta (come di solito il vostro software di controllo macchina non verrà sostanzialmente modificato durante la sua vita), è possibile una soluzione su misura a bassa manutenzione. Con l'avvento delle soluzioni middleware che "parlano" OPC UA (come le UA Connecting Software Connect Bridge), che mascherano la complessità residua dello stack OPC UA per lo sviluppatore e riducono così la quantità di conoscenze specialistiche di comunicazione M2M necessarie, tali soluzioni potrebbero essere realizzate anche da piccoli reparti IT (molto probabilmente anche dal vostro reparto IT one-man-show spesso presente nelle PMI). Naturalmente ci sono delle avvertenze. Spazi di indirizzo costruiti in modo diverso, implementazioni improprie (l'autore è stato in grado di far crollare un PLC di sicurezza (sic!) con richieste di OPC UA) mostrano che c'è ancora del lavoro da fare da parte dei produttori.

Comunque, OPC UA sembra essere il modo migliore - e in una certa misura l'unico modo in questo momento - per andare avanti se siete alla ricerca di un'integrazione verticale in un ambiente di piccola impresa che vi permetta di realizzare la vostra soluzione, personalizzata in base alle vostre specifiche esigenze (e non a quelle che qualche ufficio marketing pensa o vuole farvi avere) evitando il blocco del fornitore o del cloud e mantenendo i vostri dati e il vostro IP sotto il vostro unico controllo.


Informazioni sull'autore

Richard Majer è fondatore e CEO di flupo Systemtechnik e. U., una società di recente fondazione specializzata in informatica industriale e tecnologia dell'automazione per le PMI. Negli ultimi 6 anni ha lavorato come ricercatore nella tecnologia di produzione laser applicata ad alta potenza per gli ultimi 6 anni ed è stato anche CIO dell'azienda di lavorazione della lamiera della sua famiglia per oltre un decennio.

Come flupo utilizza il connettore UA OPC UA

Flupo utilizza Connect Bridge e l'OPC UA Connector per integrare le macchine industriali con il loro software aziendale.

Connect Bridge consente a flupo di creare robuste interfacce tra le proprie soluzioni e i complessi prodotti Microsoft (ad es. Office 365, SharePoint, Dynamics365(CRM)) senza la necessità di conoscenze privilegiate su questi sistemi software e le loro API.

È un modo pragmatico per realizzare l'"Internet delle cose industriale" (IoT) e l'Industria 4.0. Iniziate velocemente con i primi risultati in poche ore; e scalate rapidamente fino ad arrivare ad ambienti di grandi dimensioni.

Circa Connect Bridge e OPC UA Connettore UA

Connect Bridge riunisce il software aziendale e le macchine industriali in modo super facile.

Utilizza UN SOLO linguaggio per collegare il TUO software o programma con più di 30 applicazioni software aziendali e dispositivi standard supportati da OPC UA come PLC, robot, macchine e sensori.

Con Connect Bridge potete accedere a tutti i vostri sistemi di backend visualizzati come un grande database ma utilizzando le API protette dei fornitori: Leggi e scrivi da e verso i sistemi ERP/CRM, strumenti di collaborazione, archivi Cloud, sistemi CMS, PLC, sensori e il tuo parco macchine. Per accedere a tutti questi dati, si usa il linguaggio che ogni studente di informatica impara al primo anno: SQL. I tuoi primi risultati di integrazione appariranno in poche ore! Più di 12.000.000 sviluppatori sono pronti a lavorare con Connect Bridge entro 3 ore! Usa questo potere per aumentare le tue capacità d'integrazione.

Risparmiate 90% di tempo e risorse nei vostri progetti di integrazione. Non c'è bisogno di specialisti o di progetti complessi. Non c'è bisogno di imparare enormi API che cambiano ogni anno.

Ci sono integrazioni senza soluzione di continuità e senza limiti: Leggere i dati di produzione dal vostro sistema robotico, memorizzarli in un file Excel su Google Drive, creare una richiesta di servizio in CRM, inviare una e-mail al tecnico, allegare un link ad un dashboard SharePoint che è stato creato automaticamente dai dati forniti dal vostro server OPC UA ...

Se volete valutare Connect Bridge e OPC UA Connector, contattateci per una dimostrazione gratuita.

Commenti 1

  1. Grazie per aver condiviso queste informazioni utili! Sono informazioni davvero interessanti per me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *